Fondazione Commercialisti Italiani

 

Follow us on Facebook!
 

Sospensione delle compensazioni su modello F24 considerate a rischio.

Sospensione delle compensazioni su modello F24 considerate a rischio.

L’Agenzia delle Entrate, secondo il disposto dall'art. 37 del D.L. 223/2006, può sospendere fino a 30 giorni, l’esecuzione dei modelli F24 relativi a compensazioni che presentano profi li di rischio
In particolare:
- quando il credito è correttamente utilizzato, oppure sono decorsi 30 giorni dalla data di presentazione del modello F24, senza aver subito contestazioni, il pagamento è considerato eseguito alla data dell'effettuazione;
- d iversamente, la compensazione non è riconosciuta ed il versamento si considera non effettuato.
L'Agenzia ha precisato che in applicazione delle disposizioni della Legge di Bilancio 2018 “la ripetizione del pagamento, se successiva alla scadenza prevista, d ebba essere sanzionata, se non accompagnata dal ravvedimento operoso”.
Pertanto, se il modello F24 con compensazioni viene scartato, il pagamento è considerato non eseguito, ed il contribuente può effettuare un nuovo pagamento dopo la scadenza, mediante il ravvedimento operoso.
In verità, al fine di contrastare le indebite compensazioni, l’Agenzia delle Entrate opera già controlli preventivi sia sui modelli F24 che presentino compensazioni di crediti IVA per importi superiori a 5.000 euro annui, sia sui c rediti d’imposta di natura agevolativa riconosciuti alle imprese (quadro RU dei Redditi).
Quindi, il quadro normativo previsto dall’art. 1, comma 990, della Legge di Bilancio 2018, amplia la platea dei controlli per indebite compensazioni, consentendo “in via generale” una verifica preventiva di tutte le ipotesi che presentino profili di rischio.
Con il Provvedimento n. 195385 del 28 agosto 2018, l'Agenzia delle Entrate ha definito i criteri e le modalità per la sospensione dell’esecuzione dei modelli F24 c ontenenti compensazioni che presentano profili di rischio. La procedura, nel rispetto dei 60 giorni previsti dello Statuto del Contribuente ha avuto effetto dal 29 Ottobre 2018.
Sembra però che la norma, eccessivamente generica, abbia concesso all’Agenzia delle Entrate, un potere che travalica le intenzioni del Legislatore. Il provvedimento, infatti, non individua precise situazioni di rischio, ma riconduce tutti i modelli F24 in cui sia presente una qualsiasi compensazione, nell’alveo della sospensione.
Ciò è quanto si riscontra nell’interrogazione parlamentare n. 5 00537 presentata il 27.09.2018 dall’On. Sestino Giacomoni ed altri, che sottolinea “l’estrema genericità dei criteri selettivi… potrebbe provocare il blocco di tutte le operazioni di compensazion e, anziché limitarsi solo a quelle indebite, scoraggiando l’utilizzo di tale istituto da parte dei contribuenti”.
La risposta del MEF precisa che “saranno selezionate solo quelle operazioni che in base ai dati indicati nel modello F24 e delle altre informa zioni in possesso dell’Agenzia, presentano indizi e anomalie meritevoli di approfondimento. I criteri elencati nel provvedimento hanno lo scopo di consentire di applicare, in concreto, parametri analitici di selezione per individuare le operazioni più ris chiose, da esaminare durante il periodo di sospensione.”
Praticamente una non risposta che lascia lacune nella procedura, e mantiene i contenuti generici che permettono di bloccare le compensazioni considerate a rischio.
In verità, l'individuazione delle f attispecie di rischio era contenuta nella Relazione accompagnatoria al DDL della Legge di Bilancio 2018 dove si legge che, a titolo esemplificativo, avrebbero dovuto essere oggetto di verifica da parte dell’Agenzia delle Entrate le seguenti fattispecie…

… L’intero testo è consultabile nell’area riservata del sito web.

.

               
Home Page Rassegna Stampa Comunicati Convegni Iscriviti Contatti
Fondazione Commercialisti Italiani FONDAZIONE COMMERCIALISTITALIANI
CF 94174870488 - PIVA 01697560496 - Numero REA 150515 CCIAA di Livorno
Scali degli Olandesi 18, 57125 Livorno | Tel. 0586.891762, Fax 0586.882512
E-mail Sede: info@fondazioneci.it - Segreteria: segreteria@fondazioneci.it - PEC: segreteria@pec.fondazioneci.it
Tel. 0586.891276, Fax 0586.891280
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200